di Eugenio Baresi

Fra un paio di mesi ci sarà un referendum confermativo per stabilire il taglio dei parlamentari.

Altrettanto purtroppo la convinzione che è stata ormai assunta è che tale operazione sia utile al Paese.

Si è raccontato che si risparmierà e che verranno così eliminati molti che usufruiscono di privilegi.

Non c’è nulla di vero, ma il martellante racconto è impossibile a modificarsi.

Una quotidiana goccia riesce a scalfire il marmo più duro, immaginarsi cosa può rendere una assillante informazione in una unica direzione è l’evidenza di quello che accadrà.

Il nostro Paese è stato per anni l’esempio virtuoso della democrazia.

Un numero di votanti prossimo alla totalità degli elettori garantiva il vero principio di una democrazia rappresentativa: la partecipazione.

Il necessario consenso che i singoli eletti dovevano ottenere per essere appunto eletti garantiva l’altro fondamentale principio: la reciproca conoscenza elettore ed eletto.

Continua la lettura…