Fatti e Commenti

pensieri sull'attualità

Tag: 5stelle

L’insopportabile presunzione dei presunti intellettuali.

di Eugenio Baresi

Due noti “giornalisti” se la prendono con i parlamentari grillini che passano alla Lega.

E fin qui niente di male perché il cambio di partito, che da qualche legislatura avviene tanto spesso, è un comportamento davvero irrispettoso.

Soprattutto perché questi signori non essendo stati votati, ma eletti perché scelti dai capi, dovrebbero avere maggiore dignità.

Quello che però è insopportabile dei due giornalisti sono le spocchiose affermazioni che motivano le loro condanne.

Secondo loro i parlamentari grillini sono ignoranti e incompetenti e vanno per analoga ignoranza e incompetenza con la Lega, non sopportando la superiorità intellettiva dei PD.

Continua la lettura…

La calunnia a geometria variabile.

di Eugenio Baresi

Non entriamo nella valutazione delle accuse ai cinquini di aver preso soldi dal regime venezuelano.

Aspettiamo fiduciosi, con poca fiducia, che la magistratura ci informi della sua solerzia.

Solo che in Italia qualsiasi cosa è a geometria variabile, cioè si modifica rispetto agli interessi propri e degli amici.

Certo bisogna essere ai comandi per poter apportare modifiche.

È per questo che siamo poco fiduciosi perché di quelli che hanno il comando delle indagini e delle informazioni non abbiamo fiduciosa opinione.

Ma quello che si vorrebbe sottolineare è che la scarsa fiducia dovrebbe essere superata proprio da una forte richiesta di investigare su tutto da parte dei protagonisti colpiti dal dubbio delle accuse.

Derubricare il tutto a calunnia è troppo facile e politicamente indecoroso.

Soprattutto per chi sulle calunnie ha costruito il suo successo.

Continua la lettura…

Dalla piazza alla piazzetta.

Nel fine settimana la Piazza SS. Apostoli a Roma è assurta ad una rinnovata notorietà.

Prima i 5strelli e poi le sardine vi si sono ritrovati.

Dalle grandi piazze ad una piazzetta il passo è breve quando gli argomenti proposti sono modesti, imbrogliano in un caso e nulli nell’altro.

La piazza in questione è furba, modulabile nella sua lunghezza spostando avanti o indietro il palco e sufficientemente larga nella modesta misura per dare un buon occhio alle fotografie ed alle riprese televisive.

Insomma bella immagine con poco… un imbroglio ottico pari all’imbroglio delle parole.

A chi legge risulterà ovvio chiedersi come si sappia così bene della piazzetta.

Continua la lettura…

Contrastare l’odio in rete… forse era meglio non istigarlo.

Che due ministri dei 5stelle istituiscano una commissione per contrastare l’odio espresso sulla cosiddetta “rete” è paradossale.

A piene mani hanno invitato all’odio verso chi per loro era da combattere, hanno utilizzato ogni strumento per indicare vittime da punire, hanno istigato alla punizione preventiva e contro chi non era dei loro.

Addirittura il loro lancio è stato con un chiarissimo “Vaffa”,

Naturalmente loro lo fanno a fin di bene…

Continua la lettura…

La forza dell’immagine.

Le elezioni regionali in Emilia Romagna hanno evidenziato come sia ormai determinante ed essenziale la rappresentazione dell’immagine piuttosto che la concretezza di un lavoro e dell’esperienza.

Stefano Bonaccini ha vinto certamente per quanto realizzato nel suo mandato precedente, ma certamente e altrettanto per quel movimento nuovo delle sardine.

Sbagliando non avevamo apprezzato la forza di un’immagine nuova, ma sponsorizzata da tutta la cosiddetta libera informazione.

Immagine appunto.

Continua la lettura…

Elezioni regionali: un risultato senza colori.

In Emilia Romagna ha vinto bene Stefano Bonaccini ed è una notizia buona perché gli elettori, nonostante tutto, hanno votato chi offriva la certezza di saper svolgere il ruolo per il quale chiedeva il consenso.

In Calabria si è avuto l’ennesimo cambio di maggioranza nella disperata ricerca degli elettori di avere un presidente ed un consiglio finalmente capaci di rispondere almeno a qualcuno degli enormi problemi.

Mancano i colori di una tavolozza nella quale a confrontarsi non siano esclusivamente le fazioni più opposte.

Continua la lettura…

Disonesti.

Sembra incredibile, ma la rapida capacità con cui certi personaggi riescono a smentire tutto quello che hanno raccontato di sé è impressionante.

Appena poco meno di tre anni fa pretendevano le dimissioni di un ministro PD per una presunta copiatura della tesi di laurea.

Adesso stanno zitti per una parrebbe accertata copiatura di una tesina di specializzazione del neo loro ministro all’Istruzione.

Naturalmente parliamo dei 5s.

Continua la lettura…

La stessa cosa anticostituzionale per il PD se la fa il PD diventa un bene per il Paese!?!

Lo scorso anno l’approvazione della legge di bilancio sollevò le ire del PD perché si era offeso il Parlamento non consentendogli di votare gli emendamenti.
Quest’anno con il PD al governo la stessa cosa.

Nella storia della democrazia in Italia non era mai praticamente accaduto.

Continua la lettura…

Italia presa in giro.

La prescrizione: una ignominia di riforma per cui un cittadino resta imputato a vita.

Voluta dai 5stelle, votata da Salvini, contrastata dal PD fino a quando non è arrivato al governo e da quel momento fintamente contrario.

La nave Gregoretti: una cosa senza senso perché una nave italiana è territorio italiano.

Voluta da Salvini, ma con Conte presidente del coniglio, e nessun 5stelle, che oggi si dissocia mentre, allora al governo, fece atti al contrario.

Continua la lettura…

Senza parole e senza speranza.

Il Corriere della Sera, più importante giornale italiano, pubblica parole di Beppe Grillo, fra virgolette, che giustifica l’esigenza di rimanere al governo da parte dei 5stelle, pena il fatto che con nuove elezioni i loro deputati, non rieletti e quindi senza alcun lavoro, si riverserebbero sotto la sua casa e quella di Casaleggio, che invece sono ricchi, per chiedere un lavoro.

E nessuno dice nulla!

E poi fanno indagini e arrestano per voto di scambio un sindaco di un paesino di mille abitanti!

Continua la lettura…

© 2024 Fatti e Commenti

Theme by Anders NorenUp ↑